SENZA CATEGORIA

MVKVKVM

ISTAMINA ALLERGIE E SPORT

ISTAMINA, ALLERGIE E SPORT

Istamina, allergie e Sport

La primavera è alle porte, ma per molto soggetti, compresi gli sportivi, essa rappresenta la stagione dei pollini e delle allergie, corresponsabili di Istaminosi, cioè alti livelli di Istamina, una sostanza derivante dall’aminoacido Istidina. Riguardo a questo fenomeno, che porta ad acidosi tissutale ed allergie varie, molti esperti parlano di errato apporto calorico, oppure di un eccesso di attività fisica. Alcuni si spingono addirittura a sconsigliare lo sport, soprattutto all’aperto. Ma analizziamo meglio il contesto: l’aminoacido Istidina è indispensabile per la crescita dei tessuti e per la produzione di cellule bianche e rosse del sangue. (altro…)

GLI INDICATORI CHIAVE NEL PERSONAL TRAINING

GLI INDICATORI CHIAVE NEL PERSONAL TRAINING

“Si può migliorare solo ciò che si può misurare “ Lord Kelvin

 

Gli indicatori chiave (KPI, KEY PERFORMANCE INDICATORS) sono lo strumento per il miglioramento continuo ed il successo.

Il mercato nel quale ci troviamo ad operare è sempre più competitivo, motivo per il quale occorre avere in ogni momento il polso della situazione e conoscere quali sono i nostri punti di forza e quelli di debolezza, effettuando appunto misurazioni periodiche. Le misure effettuate vengono definite KPI cioè indicatori, che permettono di verificare il nostro lavoro con oggettività, esaminando i dati raccolti (schede anamnestiche, schede di allenamento, archivi, storiografia del cliente ecc.) al fine di poter prendere decisioni su dati di fatto e non su supposizioni.

Gli indicatori misurano quindi l’efficacia e l’efficienza del nostro servizio e sono strumenti fondamentali per capire se il nostro lavoro sta generando i risultati attesi o se si ha bisogno di migliorare.  Un bravo Personal Trainer può e deve individuare numerosi indicatori legati sia agli obiettivi come manager della propria attività (fidelizzazione del cliente, aumento di fatturato, soddisfazione del cliente ecc.) sia a quelli del cliente stesso (monitoraggio degli obiettivi e dei risultati conseguiti).

Assume perciò notevole importanza in primis comprendere le aspettative di chi si affida a noi e trasformarle in risultati soddisfacenti e celeri. Successivamente ci doteremo di indicatori (KPI) periodicamente raccolti, come strumenti di verifica.

Di questo ed altro parlo durante i miei seminari con contestualizzazione degli argomenti ed esercitazioni pratiche.

 

Per approfondire clicca qui:

 

Veronica Amoruso

IL PERSONAL TRAINER E L’ORIENTAMENTO AL CLIENTE

IL PERSONAL TRAINER E L’ORIENTAMENTO AL CLIENTE

“Se non ci prendiamo cura dei nostri clienti, lo farà qualcun altro”. (Edgar Mitchell)

 

L’orientamento al cliente è uno dei principi cardine utilizzato dai professionisti e dalle aziende che vogliono lavorare “in qualità” e “per la qualità”. Nell’attuale situazione economica, caratterizzata da sempre maggiori incertezze e criticità, l’orientamento al cliente è una delle caratteristiche e competenze maggiormente richieste sul mercato.

L’orientamento al cliente quindi, possiamo definirlo nella capacità di individuare, capire e soddisfare le esigenze del cliente stesso, sfruttando le nostre competenze tecniche e la preparazione, nonché quelle di carattere trasversale come la sensibilità interpersonale, l’ascolto attivo e le capacità comunicative. Un cliente soddisfatto è prima di tutto un buon cliente per il futuro (non a caso si parla di fidelizzazione), ma è anche una potentissima fonte di pubblicità verso l’esterno (che prende per lo più la forma del “passaparola”).

Così come progettiamo schede di allenamento, anche il nostro orientamento al cliente va “allenato”

Come possiamo allenare il nostro orientamento al cliente?

L’orientamento al cliente è fondamentale per la crescita professionale nonché per l’aumento del proprio business. Abbiamo detto che oggi questa è una delle competenze trasversali più cercate nel mondo del lavoro, quindi curare proprio questo aspetto può essere il nostro trampolino di lancio per far crescere la nostra attività e professionalità. Come ogni competenza, anche questa va acquisita ed allenata: a tal proposito vediamo quelli che possono essere i principali 4 esercizi da eseguire e sviluppare nel tempo, con un impegno costante.

 

  • Definisci chi sei, cosa fai e quali sono i tuoi valori
  • Dietro a ogni cliente c’è una persona
  • La relazione è la tua benzina.
  • La trasparenza nella gestione delle aspettative

 

Per approfondire clicca qui:

 

 

                                   Veronica Amoruso          

SI FA PRESTO A PARLARE DI QUALITA’ NEL FITNESS

SI FA PRESTO A PARLARE DI QUALITA’ NEL FITNESS

Qualità nel Fitness

 

Sicuramente il termine Qualità è diventato negli ultimi anni quello più evocato nei titoli dei convegni, nella letteratura specialistica, ma anche nei documenti delle aziende e dei professionisti. Ognuno afferma di orientare il proprio lavoro allo sviluppo della qualità dei servizi; quest’affermazione, seppur condivisibile da tutti, è carica di significati e di simboli non sempre chiari e condivisi e molto spesso è utilizzata come slogan pubblicitario e strumento di marketing.

La difficoltà di offrire (tecnicamente erogare) un buon servizio di Personal Training risiede proprio nella caratteristica del servizio stesso, che è un servizio influenzato da molte variabili intangibili.

Quante volte ci siamo chiesti come mai… (altro…)

OBESITA’, SARCOPENIA E PROTEINE

SOVRAPPESO, SARCOPENIA E PROTEINE

Da molti anni i vari messaggi “Social” ci propongono immagini di persone belle, in forma, toniche  e “magre”. Il risultato è che nelle popolazioni occidentali sono aumentati il Sovrappeso, l’Obesità e le malattie legate all’alimentazione. Infatti l’alimentazione è un fattore che può letteralmente “sconvolgere” la vita di chiunque, nel bene e nel male. E senza guardare ciò che succede negli altri paesi basta pensare ai bambini italiani, che soprattutto intorno agli 8 anni, sono… (altro…)

APNEA ED ESERCIZI IN PALESTRA

APNEA ED ESERCIZI IN PALESTRA

Franco Columbu

La respirazione è un indispensabile atto involontario, di cui non ci accorgiamo, e la sua modulazione è un prerequisito per la sopravvivenza dell’individuo e della specie. Ad esempio, la respirazione deve essere regolata in caso di parola, esercizio fisico intenso, risate, pianti o improvvisa fuga dal pericolo. La corretta respirazione durante l’attività fisica è fondamentale per poter eseguire il nostro allenamento. E se è difficoltoso, all’inizio, far eseguire una corretta respirazione ad un soggetto principiante, quando questi comincerà ad aggiungere carico…. (altro…)